Flebolinfologia

La salute delle gambe è un aspetto fondamentale per il benessere della persona.

 

Presso Lo Studio Medico 109 si può iniziare un percorso terapeutico per tutte le patologie flebolinfatiche degli arti inferiori. Capillari e vene reticolari, varicosi, disturbi trofici della cute, linfedema e flebolinfedema, varicoflebite, trombosi venosa profonda, cellulite e ritenzione idrica.

 

Prenota una visita flebologica specialistica per conoscere lo stato di salute delle tue gambe: scopri così le tecniche ed i trattamenti più efficaci per il loro benessere.

 

Nella visita flebologica è sempre compreso l’esame ecocolordoppler, un esame non invasivo che permette di valutare ecograficamente con la funzione Doppler i flussi del sangue venosi e arteriosi di tutti i distretti del corpo.

I trattamenti

Trattamenti per i capillari e gli inestetismi vascolari

Microscleroterapia dei capillari

Trattamento di scleroterapia delle teleangectasie con agenti sclerosanti: liquido o schiuma sclerosante (foam) iniettato attraverso un piccolissimo ago all’interno del capillare, con lo scopo di chiuderlo fino a farlo scomparire.

 

Il paziente dopo il trattamento indossa un paio di calze a media compressione ed è in grado di svolgere tutte le sue normali attività quotidiane.

Laser terapia dei capillari

Trattamento dei capillari e delle vene reticolari eseguito mediante il Laser Eufoton 808. Si tratta di una tecnica endo-perivasale mediante la quale microfibre molto sottili (100 e 200 micron) una volta introdotte sotto la cute, chiudono il vaso vaporizzandolo (effetto fototermolitico).

 

Il vantaggio esclusivo sta nel fatto che il raggio Laser non attraversa la pelle bruciandola, e quindi non si provocano spiacevoli inestetismi.

Trattamenti per le varici

Scleroterapia delle varici ecoguidata

Scleroterapia ecoguidata delle varici e dei grossi vasi venosi del circolo superficiale degli arti inferiori, selettiva e superselettiva.

 

Si esegue sotto guida ecografica iniettando, attraverso un ago molto sottile, un agente sclerosante sotto forma di schiuma (foam). Questo trattamento permette di occludere la vena varicosa refluente ripristinando il fisiologico flusso venoso.

 

Dopo qualche minuto il paziente, indossando una calza elastica, riprende le sue normali attività quotidiane.

Laser terapia endovasale delle varici

Trattamento endovasale LaseMar 1470 (Eufoton 1470, Techlamed Sclerolux), tra le ultime innovazioni di tecnologia avanzata nell’applicazione della luce laser per il trattamento delle patologie venose a carico dei grossi vasi (vene Grandi e Piccole Safene).

 

Consiste in una tecnica ambulatoriale che si esegue in anestesia locale presso un presidio chirurgico; a minima invasività, senza tagli né punti di sutura. La fibra Laser è introdotta all’interno della vena con un semplice ago, quindi il calore emesso dal Laser chiude il vaso.

 

Il paziente dopo la procedura è in grado di riprendere le proprie attività quotidiane indossando una calza elastica.

Radiofrequenza endovasale

Il trattamento a Radiofrequenza prevede l’utilizzo della tecnologia a microonde (Venefit, Veinclear)  per il trattamento della patologia venosa degli arti inferiori. Consiste in una tecnica ambulatoriale che si esegue in anestesia locale presso un presidio chirurgico, a minima invasività, senza tagli né punti di sutura. Anche in questo caso si esegue la chiusura della vena con il calore emesso dal catetere RF.

 

Il paziente dopo la procedura è in grado di riprendere le proprie attività quotidiane indossando una calza elastica.

★ Trattamento endovasale Venex

Ultimissima novità in campo di Biotecnologia per il trattamento endovasale delle varici. Senza utilizzare nessun tipo di anestesia si occlude la vena.  Solamente somministrando attraverso un sottilissimo catetere, posto all’interno della vena, una colla cianoacrilica la vena si occlude immediatamente. Il paziente dopo la procedura è in grado di riprendere subito le proprie attività quotidiane.

Trattamento chirurgico emodinamico secondo la tecnica CHIVA

Tecnica chirurgica che non “strappa” gli assi safenici, ma si avvale di micro incisioni per rimuovere solo le vene superficiali visibili ripristinando il corretto funzionamento emodinamico dell’asse safenico. Tale procedura si avvale di piccole punture di anestesia locale, trattandosi di chirurgia ambulatoriale il paziente può svolgere le normali attività quotidiane.

Trattamenti per il linfedema e il gonfiore delle gambe

“Manutech” drenaggio linfatico manuale assistito

Drenaggio flebo-linfatico associato a microcorrenti in multifrequenza grazie alla Polaterapia e alla Biorisonanza cellulare (Manutech). Il drenaggio flebolinfatico “Manutech” è un trattamento innovativo capace di decogenstionare i tessuti riequilibrando l’attività metabolica degli stessi, attraverso la polarterapia e la biorisonanza cellulare. Trova applicazione nella riabilitazione, nella flebolinfostasi e nel rimodellamento delle adiposità localizzate del corpo e del viso.

Carbossiterapia ad alto flusso

La Carbossiterapia è un trattamento che si basa sulla somministrazione sottocutanea di diossido di carbonio (CO2) medicale allo stato gassoso. Il gas, penetrato nel sottocute, provoca una lenta vasodilatazione arteriolo-capillare che migliora localmente il flusso di sangue arterioso ricco di nutrienti e ossigeno. Utile per combattere la pannicolopatia edemato-fibro-sclerotica (cellulite) e per favorire il ringiovanimento cutaneo del corpo e del viso.

Trattamento mesoterapico del microcircolo e della ritenzione idrica

Terapia mesoterapica a base di prodotti specifici a tale utilizzo, utile singolarmente ma ancor più se associata a trattamenti complementari come la carbossiterapia e il drenaggio linfatico manuale assistito (Manutech). il trattamento migliora la funzione microcircolatoria e la salute della pelle e del derma delle gambe, soprattutto nel caso di gonfiore, pesantezza, lassità cutanea e adiposità localizzate degli arti inferiori.

Drenaggio linfatico manuale e pressoterapia

Tradizionale massaggio linfodrenante secondo Leduc associato all’utilizzo della pressoterapia sequenziale, che ne potenzia l’effetto dopo il trattamento.

Elastocompressione con bendaggi elastici e semirigidi

Tecniche di bendaggio degli arti inferiori utili per la terapia contenitiva della stasi flebo-linfatica da insufficienza venoso linfatica cronica e per il trattamento delle ulcere croniche.